navigazione
drive home page

musica
Home

recensioni

speciali

concerti
eventi

sezioni

rock'n'roll noir
rock and horror encyclopedia
borderline
all that jazz


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sulla musica


contatti

 

drive magazine ©
Stefano Marzorati 2010

 

  Counter

29 maggio 2010

Burzum!

"Se ami Dio, brucia una chiesa."
(da un adesivo creato da Winston Smith nel 1983)

In una tranquilla notte di fine luglio del 1992, dentro una piccola casa suburbana di Upplands Vasby (a nord di Stoccolma), una famiglia (padre, madre e due bambini piccoli) dorme tranquilla nei propri letti. Nel frattempo, all'esterno, Maria, una diciottenne affiliata al Black Circle, un'organizzazione satanista, cosparge di acetone la porta d'ingresso e le finestre e, poi, con la stessa calma, dà fuoco alla struttura.
Prima di allontanarsi Maria pianta un grosso coltello sulla porta d'ingresso insieme a un messaggio: "Il Conte è stato qui e ritornerà". Qualche minuto più tardi un fumo denso e acre invade le stanze della casa, provocando il brusco risveglio dei suoi abitanti e l'immediata fuga verso la salvezza prima che divampino le fiamme. Le indagini della polizia conducono ben presto all'arresto di Maria e alla confisca del suo diario. In alcune sue pagine la ragazza rivela di essere un membro della setta segreta demoniaca conosciuta come "Black Circle". In altre fa riferimento al Conte Grishnackh, leader della band norvegese di black metal Burzum, scrivendo: "L'ho fatto come missione per il nostro capo, il Conte. Io amo il Conte. Le sue fantasie sono le migliori. Voglio un coltello, un bel coltello, affilato e crudele". La famiglia vittima dell'attentato è quella di Christotter Jonsson, cantante della band di death metal svedese Therion. Quattro giorni dopo l'incendio, Jonsson riceve una lettera del Conte: "Salve, vittime! Sono il Conte Grishnackh dei Burzum. Sono appena tornato da un viaggetto in Svezia, più precisamente in un posto a nord-ovest di Stoccolma e penso di aver perso un fiammifero e un disco firmato Burzum, ha ha! Ritornerò molto presto e forse, questa volta, non vi sveglierete nel mezzo della notte. Vi darò una lezione di paura. Siamo davvero molto pazzi, i nostri metodi sono la morte e la tortura. Le nostre vittime moriranno lentamente, devono morire lentamente". Dopo breve tempo il Conte Grishnackh, al secolo Varg Vickernes, viene fermato dagli investigatori e interrogato in merito a tre incendi avvenuti in Norvegia e a quello di Upplands Vasby.
Il Conte nega qualsiasi relazione con la ragazza svedese e dichiara la sua completa innocenza. Maria viene ricoverata in un ospedale psichiatrico e verrà rilasciata dopo un anno di cure.
Le accuse contro il Conte non vengono mai dimostrate.

10 agosto 1993. Oystern Aarseth, meglio conosciuto come Euronymus, leader della band black metal dei Mayhem, viene trovato morto sulla scala esterna del suo appartamento di Oslo. Il suo corpo presenta molte ferite profonde, inferte da un coltello. Soprannominato "il padrino del black metal" e conosciuto nei circoli satanici come il "Principe della Morte", Aarseth gestiva l'etichetta discografica Deathlike Silence e un negozio di dischi chiamato Helvete. La polizia norvegese sospetta che l'assassino abbia aggredito Aarscth nel suo appartamento e che, mentre questi cercava salvezza per le scale, lo abbia raggiunto e pugnalato ripetutamente.
Il suo miglior amico era il leader satanista norvegese Count Grishnackh. I seguaci del Conte sono sicuri che il delitto sia stato opera di satanisti svedesi rivali. E, a conforto di questa tesi, un portavoce della polizia afferma che "questi gruppi si odiano profondamente e sarebbero capaci di usare praticamente qualsiasi mezzo per colpirsi a vicenda". Secondo il Conte gli svedesi leggono la Bibbia satanica ma, in realtà, adorano soltanto la morte.

13 agosto 1993. La polizia di Oslo effettua un interrogatorio di ben otto ore con una ragazza svedese sedicenne, amica comune sia di Oystern Aarseth sia del Conte Grishnackh. "Sono sicura di sapere chi ha ucciso Oystern. L'assassino era geloso e voleva prendere il posto di Oystern come leader. Non credo che sia stato assassinato dai satanisti svedesi. La maggior parte di loro è troppo codarda per commettere un omicidio. Ma non rivelerò il nome del vero assassino perché l'ambiente del Black Metal farebbe cadere la sua vendetta su di me".
Un mese prima dell'interrogatorio, Lisa visse per tre settimane con Oystein Aarseth nel suo appartamento di Oslo. La ragazza afferma che Oystein aveva spesso parlato del conflitto che divide satanisti svedesi e norvegesi ed era certo che lo scontro sarebbe stato inevitabile. "L'assassino fa parte dell'ambiente satanico norvegese. Molti dei suoi compagni con cui ho avuto occasione di parlare sono giunti alla stessa conclusione. Non posso fornirvi il nome del colpevole perché rischierei la mia vita." La ragazza dichiarò che Aarseth di solito non portava armi per difendersi perché era piuttosto forte fisicamente e quindi in grado di proteggersi.
"Non penso che avrebbe lasciato entrare un estraneo nel suo appartamento. Non era nel suo stile. Questo pensiero mi rende ancora più sicura dell'identità dell'omicida." Quattro giorni dopo questo interrogatorio, il Conte Grishnackh venne arrestato e accusato dell'omicidio di Aarseth. Il processo si concluse con un verdetto di colpevolezza e con la condanna a ventun'anni di carcere.

UN INCONTRO CON IL CONTE GRISHNAKH...

Per quanto possa ricordare ho sempre odiato le persone
buone e gentili. Quando ero un ragazzino vedevo gente che
stava bene e si godeva la vita e questo mi feriva fottutamente.
Volevo rovinarli. Questo è quanto sto facendo adesso."
(VARG VICKERNES)

Sul progetto Burzum, LaVey, gli Stati Uniti e il nazismo...


INTERVISTATORE: Cosa è successo con i Therion?
CONTE: Ho dato fuoco alla porta di casa dei genitori del loro cantante, Christopher.
Conoscevi Pelle "Dead"?
Lui non si chiamava Pelle, il suo nome era "Dead". Qualunque altra cosa è una bestemmia. Egli è ora dove doveva essere. Egli non era di questo mondo.
Cosa ne pensi del suo gesto? (ndr: Pelle si è suicidato)
.L'ho conosciuto per una settimana. Ero diventato membro dei Mayhem da non molti giorni prima che lo facesse. Odio l'idea che il suo corpo sia sepolto in terra cristiana. Sono sicuro che se fosse ancora qui, odierebbe tutti questi ragazzini trendy che gli dedicano del materiale! E una fottuta bestemmia! Tutti i mortali non meritano di conoscere un cazzo di "Dead", Signore dei Vampiri. lo non proverò mai il disonore di essere ucciso da un mortale, lo non "morirò" mai. Costruirò una cripta nascosta e i mortali non la vedranno mai! E vivrò. Noi riposeremo in suolo sconsacrato! lo troverò la guerra quando morirò!.
Parlaci del progetto "Burzum"...
Non risponderò a questa domanda, visto che "Burzum" non è un progetto ma la mia totale esistenza.
Da dove parte questa crociata anti LaVey?
lo penso che la Church of Satan manchi di tematiche razziali. E' un'istituzione americana e, come tutti sappiamo, gli Stati Uniti sono formati da un misto di tante razze. E a me non piace che l'ideologia della razza bastarda americana si diffonda tra la mia gente. Noi siamo gente pura con puri archetipi.
L'ideologia di LaVey ha in sé certi elementi ebraici che sono contrapposti ai nostri. Per essere brevi questa è la ragioneprincipale del mio dissenso. E per risvegliare lo spirito norvegese non ho bisogno di Satana ma di Wotan.
Cosa ne pensi dell'America?
.: Non tutti gli americani sono spazzatura. Ci sono stati tanti grandi uomini che sono entrati nell'arena dell'élite degli Stati Uniti. Non ho pregiudizi, ma viene dalla mia esperienza, e conosco l'America come un'enorme spazzatura con una mentalità-spazzatura.
i.: Che descrive perfettamente il nostro mondo moderno occidentale...
Plastica a buon mercato. Anton LaVey potrà essere un grande uomo, ma la pochezza dell'America è ancora molto visibile.
Nessuno ha mai detto il contrario...
Rituali di plastica, bibbie di plastica, simbolismi di plastica, e così via. Non esiste nulla in America che non dimostri un minimo di mancanza di gusto.
Parlami delle attività della Black Metal Mafia. Tutti ne parlano, ma nessuno sa niente di preciso.
Ho lavorato con il Black Metal Circle a partire dal 1990, e nessuno aveva mai sentito niente sul nostro ordine ermetico-esoterico. Dal momento che Euronymus ne divenne parte, grazie alla sua stupida enorme bocca, tutto l'underground ne venne a conoscenza. O meglio, venne a sapere della sua personale interpretazione di quello che eravamo, iniziando a rovinare il nostro lavoro in vari modi. Arrivò la mia prima incarcerazione. E questo fatto provocò l'interesse della gente su quello che stava accadendo in Norvegia. Euronymus dichiarò che noi adoravamo il diavolo, lo credo in Odino, in me stesso.
E sulle vostre attività?
Non ascoltare quello che si dice su di noi. Le voci sono le armi più straordinarie dei cristiani e degli umanisti. Non lasciarti fregare da quei piccoli esseri. Sono tutti ebrei nella mente. Sappi che anche le mie parole possono non essere condivise da altri membri. Siamo individui con proprie idee e pensieri.
Riguardo all'omicidio di Euronymus, è stato scritto che si stava allontanando dalle attività inerenti al Satanismo, e non c'era rimasto molto tra voi due
Ragiona e vedrai chi era il vero Euronymus. Come morì? Come un uomo? O come un bambino, tentando di fuggire al suo e ai suoi avversari? Io ballo e piscio sulla sepoltura cristiana! Secondo lo splendido racconto della polizia, nessuno sarebbe morto come lui. C'era rancore tra noi due e questo perché non mi piacciono i deboli e gli ipocriti. E non mi ha fregato.
Quanto è attiva attualmente la Black Metal Mafia?
Ho fatto poco per chiarire la nostra erudizione. Fino ad adesso ho detto cose equivoche. Siamo i resti di quello che c'era, della prosperità e della fierezza delle antiche tribù germaniche. I nostri, i miei principi sono orgoglio, forza, coraggio, purezza, fierezza, fiducia, onestà, onore, elitarietà e spietatezza. I principi dei nostri padri.
Non sono un egoista: morirei difendendo la mia tribù e preferirei morire che spezzarla. Solo così io posso raggiungere il mio obiettivo, che è ombra per gli altri, e sempre lo sarà, forse.
C'è ancora qualcosa che vorresti chiarire?
Ci sono voci che dicono che io sia un nazista. Bene, non lo sono. Sono un uomo del Nord con un'ideologia norvegese, la morale dei Vichinghi. lo non odio le altre razze: amo la mia e la voglio tenere bella e pura. La svastica non è altro per me che l'anello di Thor scagliato nell'oscurità della materia. La più meravigliosa arma di sempre. E il dio degli ebrei che ci ha oppresso con il suo "giusto e sbagliato", "buono e cattivo".
Questo è il motivo per cui io parlo male di lui e dei suoi inetti seguaci, siano essi giudei o no. Schiacciateli, gassateli, qualunque cosa ma scacciateli dall'Europa, senza nessuna pietà. E non tradite la vostra razza: tradireste voi stessi, perché ne siete parte. Sono fiero di quello che sono, un figlio di Wotan!Sulla ribellione...
INTERVISTATORE: Ti consideri un ribelle?
CONTE: Non siamo ribelli. Noi cerchiamo solo di distruggere e di distruggere e di diffondere il male.
Che tipo di rituali pratichi?
Ne abbiamo molti ma non ne voglio parlare.
I sacrifici e il sangue sono parti importanti di questi rituali?
Naturalmente. Il sangue è il potere della vita ed è un elemento fondamentale nei rituali.
Sacrificate animali?
Sì.
Sacrificate esseri umani?
Questo è un atto criminale.
Ma per principio?
Per principio non abbiamo alcuno scrupolo nei confronti dei sacrifici umani.
E avete praticato sacrifici umani?
Non posso dire nulla riguardo a questo.
(Frammenti di un'intervista rilasciata alla rivista SOD)