pagina dedicata a Byron nel sito ufficiale degli Uriah Heep

Uriah Heep Family Tree


 
voi siete qui: drive index | musica | borderline: index | David Byron

MAN FULL OF YESTERDAYS: DAVID BYRON - Intenso tributo ad un grande vocalist mai troppo compianto e considerato

Nel corso degli anni mi e' capitato assai spesso di imbattermi in complessi per i quali ho provato un fortissimo sentimento di legame, in gran parte dovuto alla mia sensibilita' musicale, sensibilita' che abilmente sembrava amalgamarsi con i coloratissimi stati umorali espressi dai solchi delle centinaia di LPs che possiedo a casa.
La mia si e' trattata indubbiamente di una escalation conoscitiva fortemente alimentata da un sempre vivacissimo desiderio di sapere, sapere che cosa quel gruppo o quell'artista, sia da un punto di vista musicale che sociologico aveva rappresentato durante gli anni del suo incommensurabile "operato". Ma e' altrettanto vero che, senza alcun rimpianto o rimorso, alcuni di quei nomi sono stati "resettati" dal mio "Sistema Operativo Cerebrale", e probabilmente non faranno mai piu' ritorno. Fra le cosiddette "vittime illustri" non potrei non citare i Deep Purple (amatissimi, in special modo nei primi anni di collezionismo musicale) o gli Eagles, piu' commercialmente predisposti all'AOR americano, combo californiano che ha espresso alcune tra le pagine melodiche piu' riuscite ed avvincenti degli anni '70.
In questa a suo modo "infausta" categoria non rientrano (e mai rientreranno) gli inossidabili Uriah Heep, dei quali ho gia' tessuto sperticati elogi, optando per VERY 'EAVY VERY 'UMBLE quale album tra i piu' rappresentativi del complesso inglese. Ma se in precedenza mi ero soffermato sugli accenti gotici e surreali di cui gli HEEP si sono sempre dichiarati portavoce, attraverso l'analisi critico-musicale del loro primo indimenticabile "parto", oggi vorrei dedicare parte del mio tempo a una figura mai troppo compianta, mai troppo fatta riemergere dall'eterogeneo, imprevedibile panorama rockistico: mi sto riferendo, senza tentennamento alcuno, a David Byron, vocalist degli URIAH HEEP dal 1969 (anno in cui Byron ed il suo compagno di scorribande negli SPICE Mick Box, chitarra solista, si unirono al talentuoso tastierista Ken Hensley, proveniente dai GODS). L'ormai leggendario triumvirato BOX-BYRON-HENSLEY vide cosi' la luce; l'anno successivo sarebbe stata la volta della loro prima pubblicazione, VERY 'EAVY VERY 'UMBLE, appunto (Vertigo).
Byron, nel contesto hard-rockistico dell'era, non si poteva certo considerare un "heavy-metal-singer" classico, ne' tantomeno un progressive-vocalist. La particolarita' legata alla sua voce veniva riflessa in maniera piu' che chiarificatoria attraverso le composizioni gotico-surreal-oniriche sulle quali Byron dispiegava la sua innata possenza vocale. La vocalita' del prime-singer degli Heep non possedeva la "monumentalita'" di un Ian Gillan, ne' il pathos sofferto e strascicato di grandi blues-rock-men quali Paul Rodgers dei Free o Rod Stewart dei Faces, ne' tantomeno la calda e glaciale, al tempo stesso, espressivita' di Robert Plant, insuperato maestro nel gestire note acutisisme e impossibili da riprodurre per la stragrande maggioranza dei cantanti rock sparsi in tutto il mondo. Performers, costoro, ben piu' considerati dai media e giornalisti dell'epoca, relegando in innumerevoli occasioni il compianto David negli angoli oscuri della misconoscenza o, ancor piu' triste da accettare, vittima dell'indifferenza di una rock-press spietata ed eccessivamente frettolosa nell'emettere stelline e giudizi, quando non propriamente ottusa o elastica quanto una bacchetta di legno.
A un primo ascolto, immediatamente risalta il wide-range-vocals del vocalist degli Heep, una voce "multi-ottava", dotata di grande estensione ed esternatrice di acuti strazianti, di stampo quasi "gillanesco". Rispetto al noto cantante dei Deep Purple MARK II, David Byron vantava forse una maggiore propensione timbrica, la quale non aveva alcunche' da invidiare al suo ben piu' celebrato collega; non-di-meno vi era una certa fascinosita' nell'impostazione byroniana della voce, mirabilmente adatta a ricoprire vasti ruoli interpretativi, passando con assoluta disinvoltura dall'high-pitched piu' marziale ed epico, alla ballata svenevolmente eterea e struggente, per poi ritornare su canoni hard puntellando le proprie accesissime performances con sferzanti, bellicosi e sventra-cristalli primal-screams, tali da far rabbrividire anche il miglior Robert Plant (mi perdonino gli arcigni fans del "Dirigibile", ma il mio e' un atto dovuto...!).
La straordinarieta' espressiva di Byron emerge imperiosa e destabilizzante nel primo effort a nome Heep, il leggendario VERY 'EAVY, VERY 'UMBLE: GYPSY ne evidenzia la quintessenzialita' vocale, monumentale tanto quanto la partitura del brano, sorretto da un minaccioso, monolitico riff suonato all'unisono da chitarra e tastiera: in sintesi, il trionfo del "gothic-rock", un sentiero raramente battuto con tale efficacia e magnetismo sonoro. WALKING IN YOUR SHADOW si rivela essere perfetto specchio dell'estrema possenza byroniana, possenza che si alterna a magistrali cambi d'atmosfera insiti nel brano, rievocanti un tono di minaccia e di crudezza solamente riscontrabili nelle prime, stupefacenti opere del gruppo inglese, mentre la celeberrima COME AWAY MELINDA e' il personale trionfo della versatilita' di Byron, una melodia sulla quale viene "posata" con maestosa, regale eleganza, un'interpretazione sofferta e ricca di drammaticismo, mai patetico, sempre giocato sul filo di un pianto malinconico egregiamente "tradotto" dall'ugola di David. Ancora oggi il sottoscritto prova lunghi, glaciali brividi sulla schiena, brividi che si stagliano come solchi di un passato tutto da celebrare, ma anche tutto da riscoprire. Ma la performance byroniana che piu' di tutte preferisco e' indubbiamente quella esposta in DREAMMARE, primo melting pot dark-gotico-onirico, composizione firmata dall'allora bassista Paul Newton, un piccolo gioiello per quel che concerne il primo hard-rock britannico.
La voce del cantante qui si apre a vele spiegatissime, trascinando con innegabile pathos e possenza di stretta derivazione metallica un lungo incubo poi trasformatosi in sogno divenuto a sua volta nuovamente incubo, in un terrificante contrasto di colori, demoni e belve attentatrici, quasi fossimo ingoiati da un vortice onirico musicale che ci viene vomitato addosso attraverso i disperati e talvolta "omicidi" acuti di un ispiratissimo, inarrivabile Byron. Ma il capolavoro vocale del Nostro si compie nella cromatica, up-and-down-tempo di WAKE UP (SET YOUR SIGHTS), un brano di chiara derivazione progressive, contraddistinto dalla ritmica jazz inferta dalla chitarra di Box, assoluta padrona insieme all'esasperata performance vocale di Byron: un "sali-e-scendi" dalla grande carica emotiva, l'ideale set-closer di un'opera tutta da divorare, opera che ha termine con un lancinante messaggio da parte di Byron stesso "Svegliati e stai all'erta..... oooo, Dio cerca di fermare questo eccidio....... - disse l'uomo prima che morisse....." - seguono dolcissime, oniriche sussurra che risolvono, ma solo in parte, tanto dramma profuso sino ad ora.
La voce si fa sempre piu' sottile, e tutto sfuma lasciando agli avidi ascoltatori molti quesiti aperti, e un'unica, inequivocabile certezza: quella di aver assistito a una delle piu' ricche e versatili "rappresentazioni" vocali della Storia del Rock. E la mia non vuole essere un'esagerazione od eccessiva celebrazione dell'artista preso in considerazione.
Cio' espresso sino ad ora e' cio' che sento veramente dentro di me, e non potevo davvero rinunciare alla mia personalissima esposizione dei fatti. Al cuor... non si comanda!...
Passa un anno, siamo nel 1971 ed esce SALISBURY, seconda opera da parte degli URIAH HEEP. Si avverte, immediatamente, un netto, radicale cambio di atmosfera, pur rimanendo inalterate le coordinate stilistiche del complesso inglese. BIRD OF PREY e', a tutt'oggi, la vocal-signature di David Byron, un'interpretazione mozzafiato giocata su vorticose acrobazie vocali terminanti con un puntuale, acuminatissimo falsetto, rivelando a piu' riprese quello stile che prendera' di li' a poco la denominazione di "operatic-vocals" (vocalizzi operatici o vocalizzi lirici): un nuovo stile vocale era appena stato dato alla luce, e Byron ne fu l'impareggiabile autore.
BIRD OF PREY si puo' definire un' antesignana di certo "epic-metal", in anticipo di ben una decade, prima dell'avvento di complessi quali DIAMOND HEAD, IRON MAIDEN e JUDAS PRIEST, nomi oggi sinonimo di grande firmamento nel campo heavy-metal.
THE PARK e' forse la composizione in assoluto piu' fascinosa e ricca di accentazioni onirico-eteree cosi' care al gruppo di Birmingham: il falsetto di Byron rappresenta la miglior trasposizione possibile onde conferire quel tono cosi' caratteristicamente decadente e oscuro, magnetico e tenebroso. Segue il classico TIME TO LIVE, traccia di sanguigno, lancinante, sofferto hard-rock, nel quale David pare si voglia cimentare in un ipotetico "verso" a Ian Gillan (peraltro il "gioco" gli riesce egregiamente), suo contemporaneo e sempre indiscusso punto di riferimento.
Infine citerei la suite SALISBURY, la stessa che da' titolo all'omonimo album: 16 minuti di concitato, avvincente, drammatico caos musicale, al quale fa da puntello un sempre impeccabile David Byron, in questa veste solo funzione di mero complemento e comunque sempre di fondamentale importanza nell'economia musicale e stilistica del combo "diretto" da Ken Hensley.
Concludero' con l'imponente, massiccio LOOK AT YOURSELF, uno dei capisaldi dell'hard-rock britannico, autentico grido all'hard piu' estremo ma, al contempo, anche sinonimo di acuta espressivita' da parte di un complesso mai domo o titubante verso un'assidua, coraggiosa ricerca sperimentale. Apre, of course, la nota title-track, autentico inno hard del primo periodo, con la chitarra di Box sparata a folle velocita', coadiuvata dal sempre abilissimo Hensley e retta da un canto sgolato ed invocante disperato aiuto. Si ha l'impressione il Nostro sia quasi in punto di morte.... La conclusione a tanta epicita' e' lasciata all'originalissimo, furente drumming degli Osibisa, in questa veste prestatisi alle pretenziosita' e velleita' "heeppistiche". I WANNA BE FREE e’, “de rigoeur”, il brano che in assoluto prediligo in quello che da sempre e’ considerato come la produzione in assoluto piu’ “heavy” in cui Il gruppo si sia mai imbattuto. Intro fragoroso di chitarra, sul quale si staglia in successione una tenue ma delicata linea di organo; subentra a questo punto la calda e decisa voce di Byron, che disegna attraverso sognanti liriche un momento di estasi personale, in cerca di una legittima liberta’. A esser del tutto sinceri I WANNA BE FREE e’ quanto di piu’ quintessenziale si possa immaginare in campo hard, e forse per tale motivo tale traccia e’ da considerarsi un lost-Heep-classic. Il canto, prima, soave e contenuto, poi (si veda e… si …senta nel finale) sfrenato e lancinante, del dottissimo vocalist inglese, e’ superbo e il rocker suddetto, fortemente venato di melodia in stile-Heep, si dimostra essere il veicolo piu’ sicuro tramite il quale poter esprimere la propria innata espressivita’ vocale. Sia che Ken che David si catapulteranno in un finale high-screaming semplicemente mozzafiato: le folli grida di entrambi i leaders si intersecano alla perfezione (confondendosi meravigliosamente), complementando l’una e sovrapponendosi all’altra. “Heavy suggestion”, e’ il mio laconico commento. Tralasciando la celebre JULY MORNING, da tutti ritenuta la Heep-track per antonomasia, e loro indiscusso apice creativo, la particolare timbrica di Byron ha modo di esprimersi piu’ compiutamente in TEARS IN MY EYES, altro sommo highlight all'interno di LOOK AT YOURSELF. La cadenza dettata dai riffs sanguigni di un sempre “minaccioso” Mick Box segue parallelamente la vocalita’ epica e suggestiva di David Byron: dalla prime battutesembra si tratti di un altro canonico, assai poco sorprendente hard-rocker, in questo frangente imperniatosulla slide-guitar di un Ken Hensley lontano questa volta dalla amata tastiera; del tutto inatteso, un sorprendente cambio di atmosfera lascia esterrefatto pubblico e ascoltatore: la maggior parte delle bands allora in circolazione avrebbero proseguito sulla falsa riga dell’introduzione, producendosi poi in uno stantio quanto monotono refrain che nulla di sostanzialmente nuovo avrebbe aggiunto alle gia’ ricche articolazioni espresse in campo hard-rock da alcuni tra i complessi piu’ famosi dei primi anni ’70. Ma gli Uriah Heep non erano certo una band comune, ed invece di presentare un fiacco rock-blues, decisero, molto intelligentemente, di porre una “frattura” melodica di stampo squisitamente onirico-etereo, impostato sul magico falsetto di Byron superbamente coadiuvato dall’altrettanto convincente vocalismo degli altri membri del complesso (in fondo, e' proprio grazie alle intricate ed ammalianti armonie vocali sulle quali gli Uriah Heep hanno costruito il proprio pregevole ed inconfondibile repertorio). D'improvviso il sontuoso, accattivante break s'interrompe bruscamente: ad esso viene frapposto il refrain di apertura, in modo da causare una saggia "frattura" onde riprendere la linea originaria della melodia, a cui era venuta in contrasto proprio quell'inaspettato intermezzo. Infine... il Gran Finale: LOVE MACHINE. In essa vengono fuse non poche similarita' nei confronti di un sound dichiaratamente "deep-purpliano": sia nell'impostazione vocale di David Byron (emulo in questo frangente del grande Ian Gillan) che negli assoli proposti dagli indiavolatissimi Box e Hensley, la matrice purpliana sembra essere la costante nel corso di tutta la traccia. Segno evidente che gli allora "maestri" si potevano gia' considerare autentici inventori di un nuovo, ultra-seminale "verbo-rock". Cosi' come "inventore" meriterebbe di essere etichettato uno dei piu' grandi vocalists di sempre, quel David Byron al quale ho candidamente dedicato questa speciale retrospettiva, una retrospettiva dettata piu' dal cuore che dall’ennesima dimostrazione di profondo interesse verso la musica e le voci degli Uriah Heep. E come certi "propositori di nuova arte" al tempo della loro messa in scena, Byron si sarebbe dovuto accontentare del modesto ruolo di "incompreso", comunque (e saggiamente, ma con una punta di tragica malinconia e lieve rancore) in fervente attesa che il suo immenso ed originalissimo talento venisse un giorno, non troppo lontano, riconosciuto, anche da coloro che per anni snobbarono la musica degli Uriah Heep. Se mai quel nefando essere di nome Melissa Mills avesse veramente compiuto il (meritatissimo) atto di suicidio, le auguro, infaustamente, di correre su e giu' per l'Inferno, braccata proprio da un Byron/Caronte eccitato solo dalla perversa idea di poterla speronare all'infinito con la propria forca.... O, better to say, con i suoi inconfondibili, sferzanti acuti....... fino a disintegrarla del tutto.....! And justice for all, in the end, my friend!...

© Alan Tasselli 2002 - per gentile concessione dell'autore

  drive home page | musica | borderline: index
drive magazine � Copyright 1999-2006 Stefano Marzorati | a True Romance Production
scrivete a drive