spacer


spacer
spacerbirchbook




spacer

 

spacer

spacer 
Birch Book - "Fortune & Folly" (Helmet Room Recordings - 2006)

Il recente avvento di un un gruppo di musicisti d'oltreoceano dediti alla riscoperta di sonorità acustiche e folk ci ha offerto sicuramente l'occasione di ascoltare una serie di lavori piuttosto intriganti... In un clima di costante revival musicale come quello attuale, artisti come Stone Breath, The Iditarod, Devendra Banhart, In Gowan Ring (per non parlare delle passate "conversioni" di Current 93 e Michael Gira) sono riusciti negli scorsi anni a lasciare un'impronta quantomeno personale in una scena musicale infestata da cloni di ogni genere... Jon Michael B'eirth è uno dei maggiori punti di riferimento della rinascita folk nella musica cantautoriale: la sua attività iniziata verso la prima metà degli anni novanta come membro fondatore degli In Gowan Ring, acclamati dalla critica specializzata e seguiti attentamente da un pubblico fedele, ha dato linfa vitale e un senso compiuto a quello che attualmente viene definito generalmente come il movimento "new-psych-folk". Diversamente dalle tetre e polverose evocazioni medievali realizzate attraverso In Gowan Ring, Jon B'ee ha dato vita ai suoi Birch Book come se volesse avvicinarsi ulteriormente ad una musica più umana ed organica: nel secondo disco, Fortune & Folly, si allontana sensibilmente dalle ombrose nenie medievali del passato per avvicinarsi ad una forma canzone fatta di semplici malinconiche ballate, meno sacrali e arcane che in passato ma altrettanto intense e visionarie. In canzoni delicate e intime come New Song, Whisper in the Pine, New Joy e Young Souls, Jon B'ee si immedesima nella veste di cantautore melodico, senza tanti orpelli di sottofondo e con in testa le opere di Nick Drake, Neil Young, Leonard Cohen e Donovan; nei brevi momenti strumentali di Birch Sap si riscoprono suggestioni antiche mentre il folk psichedelico viene omaggiato da composizioni vagamente apocalittiche come Diaspora, in pezzi dal più ampio respiro melodico come la corale Trip Goes On oppure nella decadente sensualità pagana di Zephyr Through Willows. Difficile rimanere indifferenti all'ascolto di tanta crepuscolare delicatezza.

www.ingowanring.com
www.birchbook.com


© 2007 Giovanni Carta - per gentile concessione dell'autore


sezione musica | archivio recensioni | drive index
Drive magazine ©1999-2007. Contatta la
redazione di drive magazine