spacer

spacer
spacer


spacer

 

spacer

spacer 
Orbit Service - "Songs of Eta Carinae"
(Beta-Iactam Ring Records, 2006)


Dalle profondità della galassia, più precisamente dalla stella Eta Carinae (7500 anni luce dalla Terra ed una massa cento volte superiore del nostro sole), si riaffacciano sul nostro pianeta a distanza di due anni dalla loro prima visita gli Orbit Service, enigmatica entità musicale incline all'espansione dei sensi quanto alle più cupe discese verso gli abissi della disperazione più nera. Il precedente Twilight, uscito nel 2004, era stato accolto con una certa sorpresa ed entusiasmo da parte della critica specializzata, Songs of Eta Carinae non delude l'attesa ed approfondisce e sviluppa le tendenze onirico-psichedeliche del precedente album attraverso un'attitudine decadente, sofferta ed allo stesso tempo monolitica e minacciosa. Lontani da tentazioni revivalistiche, gli Orbit Service sono il frutto di una scena rock contemporanea capace di spaziare in una moltitudine di stili differenti ed in grado comunque di mantenere un'immagine ed attitudine ben precisa... Song of Eta Carinae sembra dunque legarsi, per sonorità ed espressività a nomi come Legendary Pink Dots, Radiohead, In The Woods, Porcupine Tree, Anathema, Black Heart Procession, tutte bands a loro modo accomunate dalla medesima inclinazione verso il lato più oscuro dell'essere umano, un'inclinazione che supera spesso e volentieri i limiti della nostra realtà terrena. L'ombra dei Pink Floyd è ovviamente dietro l'angolo, come tante altre bands gli Orbit Service pagano il loro tributo di passione verso Roger Waters, David Gilmour, Syd Barrett... un tributo che si fa evidente, senza sfociare nel plagio, specialmente in brani come No Longer Do We Dream, una canzone sofferta e apocalittica così vicina alle dilatazioni esoteriche di "Echoes"... Opera scossa da fremiti violenti, a suo modo quasi brutale, Songs of Eta Carinae è un disco ambiguo e inquietante, da ascoltare e assimilare al calar della sera...

www.orbitservice.com

© 2006 Giovanni Carta - per gentile concessione dell'autore


sezione musica | archivio recensioni | drive index
Drive magazine ©1999-2006. Contatta la
redazione di drive magazine