spacer


spacer
spacersuntrack

spacer

 

spacer

spacer 
Suntrack - Deeply Inside (Snowbit-Audioglobe 2007)

In questi ultimi anni si ha spesso l'occasione di discutere, purtroppo non a torto, sulla crisi che attanaglia l'uomo del nuovo millennio, combattuto fra l'ambizione smodata di salire sempre più in altro nella scala sociale e vittima regolarmente di depressioni, delusioni e disillusioni. In questa sorta di caos dell'animo umano buona parte dell'arte, come il cinema e la musica, sembra riflettere pienamente tutte le nostre incertezze ed i nostri timori ed allo stesso tempo cerca di suggerire e stimolare la spinta giusta per uscire da uno stato esistenziale alquanto deprimente e soffocante. Un'ultimo esempio di questa possibile tendenza sono i Suntrack, un misterioso duo composto da Cris Black e G&C, probabilmente pseudonimi dietro i quali si celano, così pare dalle poche informazioni disponibili, un musicista fiorentino ed uno islandese... I Suntrack sembrano elaborare il malessere contemporaneo occidentale (e non) attraverso un concept album in cui si cerca di trovare uno spiraglio di luce nelle ampie zone d'ombra della nostra società contemporanea, un buio spesso determinato da un materialismo sfrenato e spersonalizzante e ben alimentato dai tanti focolai di guerra sparsi ancora in molte aree povere del nostro pianeta. In Deeply Inside la musica prende l'aspetto di un pop elettronico atmosferico e dalle molte sfacettature che può ricordare il Peter Gabriel solista come alcune cose di Bjork, gli ultimi Pink Floyd ed i Portishead: melodico e di facile presa nella sua forma canzone, il fascino di Deeply Inside risiede tutto nelle sue atmosfere dilatate, futuristiche ed allo stesso modo romantiche; l'uso accorto dei campionamenti ed effetti permette ai Suntrack di conferire al tutto un ambientazione quasi cinematografica inserendo qua e là citazioni e campionamenti vari tratti da film come Blade Runner, Apocalypse Now, Syriana, Il Gladiatore ecc... Fra l'alto nel booklet realizzato possiamo leggere direttamente le fonti d'ispirazione dei Suntrack attraverso una rispettiva bibliografia, filmografia e discografia; inoltre i testi delle canzoni sono stampate in tre lingue oltre all'inglese, ovvero in francese, italiano e tedesco, un modo ideale per rendere più recepibile il messaggio di pace amore e saggezza presente in Deeply Inside. Come disco d'esordio i Suntrack hanno così realizzato un buon lavoro anche se non manca di qualche incertezza a livello puramente tecnico, specialmente per quanto riguarda le parti vocali, ancora un pò acerbe e non del tutto pienamente godibili seppur abbastanza espressive ed intense. Disco da provare ed ascoltare, Deeply Inside riesce a comunicare sensazioni positive, con un pizzico di poesia e romanticismo che è bene ascoltare in questi tempi duri e cinici.

www.myspace.com/the0suntrack
www.thesuntrack.com

© 2008 Giovanni Carta - per gentile concessione dell'autore

sezione musica | archivio recensioni | drive index
Drive magazine ©1999-2008. Contatta la
redazione di drive magazine