spacer

spacer


spacer










spacer

 

spacer

spacer

Travolta - "Gusto in Bocca" (Macaco Records - 2004)

I Travolta hanno vissuto cinque anni d'esistenza fra demotapes, esibizioni dal vivo di un certo successo, sono stati vincitori della selezione veneta dello psycho stage di Arezzo Wave nel 2003, ed infine il mini-cd d'esordio Gusto In Bocca con sei canzoncine birichine e bizzarre, sorta di via di mezzo fra Blur, Bluevertigo, Skiantos e qualche ambizione semiseria di beat psichedelico anni '60. Alle sonorità delle chitarre acidule e garage si insinuano sintetizzatori analogici dall'effetto piuttosto esilarante, così il tutto diventa divertente e spensierato senza farci dare troppo peso ad eventuali ingenuità e/o scopiazzature. Chissà, in futuro non sarebbe male dare un maggior peso a certe sonorità retrò mantenendo inalterata la potenza del cassarullobassochitarra!

www.travolta.it

Libra - "Frog's Signals" (Macaco Records -2004)

Con i Libra invece è il caso di frenare un attimo la nostra verve giovanile: lo spirito vagamente goliardico e burlesco dei Travolta è qui assente, i Libra predeligono un approccio riflessivo e malinconico sia nella musica come nei testi. Frog's Signals è il terzo disco della band veneta ed oltre a condividere con i Travolta lo stesso batterista, Giorgio Trez, condividono anche una passione comune verso certe sonorità psichedeliche ed analogiche; se la psichedelia è il punto di riferimento principale dei Libra, la ballata dilatata e visionaria sembra essere la loro base di scrittura ideale. In alcuni frangenti, come ne La Seconda Classe, si sfiorano suggestioni acid rock di un certo effetto, altrove le tastiere ricoprono un importanza essenziale, come nell'iniziale Marta, mentre Le Due di Notte invece è una rivisitazione dell'omonimo pezzo già presente sul bel disco di debutto dei Grimoon (in cui, non a caso, suona Andrea Stevanato, chitarrista e cantante dei Libra). L'unica nota stonata di Frog's Signals è rappresentata da un utilizzo della voce sin troppo in linea con certe usanze indie rock nostrane... sicuramente un cantato più "adulto" si intonerebbe meglio con la profondità delle composizioni di questo cd e, probabilmente, l'intera scena ne trarrebbe un buon profitto.

www.librait.it

© 2004 Giovanni Carta - per gentile concessione dell'autore


sezione musica | archivio recensioni | drive index
Drive magazine ©1999-2004. Contatta la redazione di drive magazine.