navigazione
drive home page

musica
Home

recensioni

speciali

concerti
eventi

sezioni

rock'n'roll noir
rock and horror encyclopedia
borderline
all that jazz


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sulla musica


contatti

 

drive magazine ©
autostrada per l'inferno ©
Stefano Marzorati 2010

 

  Counter

2002

IMPRESSIONI E DIVAGAZIONI SU "JESUS CHRIST SUPERSTAR"...
di Alan Tasselli

Jesus Christ Superstar
é senz'ombra di dubbio una delle più riuscite ma allo stesso tempo controverse opere musicali che siano mai state realizzate. Concepita in una fase musicale storico-sociologica di particolare rilievo e determinante per l'evoluzione del concetto di musica rock (siamo al crepuscolo degli indimenticabili, caotici e piacevolmente convulsi anni '60, tra il trionfo musicale, spirituale ed ideologico di Woodstock ed i primi anni '70, contraddistinti da fasi altamente politiche ed impregnate di impegno sociale), l'opera rock di Andrew Lloyd Webber lasciò certamente il segno, e regalò al grande pubblico una collezione di brani ora ritenuti immortali ed entrati a far parte della tradizione legata all'opera-rock, essendo essa una delle rappresentazioni più imitate e rivedute per quanto concerne il mondo dei musicals in generale. Jesus Christ Superstar, cronisticamente parlando, uscì come versione discografica gia' nel lontanissimo 1970, come detto sopra, a cavallo fra due epoche cruciali della musica rock. Ian Gillan ebbe il prestigioso incarico di ricoprire il delicato ruolo di Gesù, mentre la parte di Giuda fu affidata allo sconosciuto Murray Head; Barry Dennen e Yvonne Elliman cominciarono gia' da quella versione discografica a ricoprire i due ruoli che poi avrebbero interpretato nella versione cinematografica diretta da Norman Jewison, ovvero, rispettivamente, Ponzio Pilato e Maria Maddalena. Io consiglio vivissimamente di reperire questa autentica "chicca" forse oggi ai piu' non molto nota, immeritatamente offuscata dall'arcinota, e, permettetemi di dirlo, meno affascinante, riedizione in celluloide del 1973.
Musicalmente parlando essa strabatte la versione cinematografica del 1973, sia strumentalmente che musicalmente (anche se bisogna ammettere che Ted Neeley e Carl Anderson, gli interpreti principali del film, dimostrarono di non avere nulla da invidiare a Ian Gillan e Murray Head). Ascoltare per credere!
Come ben sapete, Jesus Christ Superstar uscì (intendo la versione cinematografica) nel 1973, ottenendo riscontri commerciali positivissimi, ma non altrettanto nel campo della critica. Se ben ricordo, esso fu stroncato soprattutto nella scelta dei costumi, apparendo essi alquanto pretenziosi ed eccessivamente "Hippie";. Certo Norman Jewison, il regista del memorabile film, non ha risparmiato alla pellicola ed agli interpreti un preponderante "kitsch", che da un lato può risultare accattivante, ma dall'altro può innervosire lo spettatore e/o il critico di turno. Il sottoscritto naturalmente è dalla parte del regista. E comunque di tutto lo staff di Jesus Christ Superstar. Recentemente in un libro dedicato ai film-rock (cioè a tutte quelle pellicole che avessero come protagonista almeno uno squarcio di musica-rock) ho letto che Gesù venne definito una specie di Charles Manson, per quanto urlava ed apparisse "infoiato". Vero è che quando uscì nei cinema, la Chiesa vi si scagliò contro a causa della interpretazione voluta dal geniale Andrew Lloyd Webber, sommo creatore dell'opera : quella di rappresentare gli ultimi sussulti e mirabilie della vita di Gesù Cristo secondo l'ottica di Giuda = blasfemia. Ditemi, ora : ma cosa c'è di più sanamente anticonformistico di un'opera sacra come quella della vita del Messia, corretta dalla visione e giudizio del suo più acerrimo e famoso traditore, Giuda Iscariota ? Blasfemo sì, ma geniale e magneticamente accattivante al tempo stesso. E, per naturale conseguenza, la parte del Grande Protagonista passerà di diritto nelle mani (e nella voce, scomoda) di chi interpreterà Giuda (qualunque rappresentazione essa sia, cinema o teatro, non farà differenza : il comune denominatore, focalizzatore ed epicentro di tutta l'opera risiederà proprio in lui, infuocato e mai domo, nella sua mirabile irrequietezza). Si badi bene : in questo frangente Gesù non verrà del tutto spodestato dalla scena, semplicemente si dovrà "accontentare" di ricoprire il ruolo di"secondo stoccatore", un "secondo" di lusso, comunque. Ancora: Jesus Christ Superstar non sarebbe per certo stato lo stesso se Webber non avesse deciso di ribaltare i ruoli. A costo di essere bollato per sempre come eretico, blasfemo, appunto. E' qui che sta il vero colpo di genio, è questo che rende veramente originale ed unica quella che è stata definita la prima autentica opera-rock (già, perché qualcuno potrebbe contestare fosse stata HAIR : tendo a sottolineare che essa precedette Jesus Christ Superstar;, ma non fu la prima opera-rock, in quanto al suo approccio esclusivamente di origine teatrale). A reggere, contornare l'ambizioso progetto di Webber vi sono le sue mirabili ed inarrivabili musiche. Se il film fu un fiasco dal punto di vista prettamente critico, non lo fu in termini musicali. A partire dall'imperiosa Heaven on Their Minds, che segna l'esordio di un già inquieto Judas, il film è un'irrefrenabile scalata di brani ora considerati immortali : Everything's Alright' (con parti irresistibili dei tre protagonisti assoluti dell'opera, Jesus, Mary Magdalene e lo stesso Judas, che sintetizzano in pratica in un solo brano la loro straordinaria gamma ed espressivita' vocale), Simon Zealotes (bellissima la scenografia e il corpo del balletto), la trascinante Damned for All Time/ Blood Money, passando per la sognante, stupenda The Last Supper, la quale vive di momenti di ritrovo e passione, puntualmente"smentiti" dai dubbi che rodono Gesù, nel terrore imminente di essere prima o poi tradito, fino al dialogo (quasi al limite della....rissa) corrosivo, infuocatissimo, fra il Messia ed il futuro traditore, il quale rivendica per tutta risposta la sua (falsa) innocenza bollando Gesù come un "idiota paranoico" o, al limite, un jaded mandarin.... - una parte davvero intensa ed alquanto... concitata!... Gethsemane è stata, e e sempre sarà la parte di Gesù, in tutto e per tutto: a rivelarci il suo dramma, il suo destino già segnato dal Grande Creatore, saranno i suoi squillanti (gillaneschi, direi) acuti, che consegnano all'ascoltatore i suoi assoli di uomo frustrato e già consegnato alla storia o, meglio, al Mito. Trial Before Pilate che vede Pilate nella sua più impegnativa e significativa performance, è l'ideale anticipatrice dell'apocalisse finale, ovvero la fantastica, inebriante, "coloratissima" Superstar, con un eccezionale Judas che chiude virtualmente l'opera coinvolgendo pienamente lo spettatore con questo appassionante gospel (e un altrettanto appassionante performance!....).

© Alan Tasselli 2002 - per gentile concessione dell'autore