spacer

spacer


spacer













spacer

 

spacer

spacer
KBB "Lost and Found" (Musea Records-2000)

Questo disco sembra essere realizzato apposta per colpire direttamente il cuore dei tanti appassionati del rock progressivo sinfonico più classico, per intenderci quello di gruppi del calibro di EL&P, Curved Air, Yes, UK e altri campioni del genere. Però corre una bella differenza fra questi ragazzi giapponesi e il solito ed improbabile gruppettino new progressive-metallaro: i KBB pur garantendo melodie accattivanti, di non difficile presa, evidenti richiami alla musica classica ed atmosfere maestose ed enfatiche, sembrano sapere bene cosa vogliono ottenere dalla loro musica e di certo non vogliono passare alla storia come semplici rivisitatori di un periodo d'oro per la musica rock. Il nucleo dei KBB è formato dall'attivissimo musicista Akihisa Tsuboy, compositore principale del gruppo nonchè eccellente violinista e provetto chitarrista, già attivo in differenti progetti come Strings Arguments, Pochakaite Malko ed Era; il resto della band è composto dal tastierista Gregory Suzuki (recentemente sostituito da Toshimitsu Takahashi), dal bassista Dani e dal batterista Shirou Sugano. Sicuramente i Kbb non hanno nessun timore di mettere a freno la loro verve creativa e quest'esordio interamente strumentale è un esempio diretto della loro ambizione di costruire autentiche sinfonie rock in una serie di composizioni, sette per l'esattezza, dalla durata piuttosto elevata in cui atmosfere intimistiche e melodie ariose si alternano a frenetiche e drammatiche cavalcate neoclassiche. Lost and Found pur poggiando le proprie basi su un impianto melodico non eccessivamente sofisticato richiede la giusta capacità d'ascolto ed una certa disponibilità d'animo per cogliere pienamente lo spirito che anima brani avvolgenti e conturbanti come Antarctica, Catastrophe e Nessa no Kioku. Certamente chi è alla ricerca dell'innovazione musicale incondizionata storcerebbe volentieri il naso all'ascolto di Lost and Found per cui mi limito a consiglire quest'opera semplicemente agli amanti della buona musica, senza particolari distinzioni... in attesa dell'imminente pubblicazione per i Kbb del loro secondo cd.
Indirizzo web: http://tsuboy.internet.ne.jp/kbb

© 2003 Giovanni Carta - per gentile concessione dell'autore


sezione musica | archivio recensioni | drive index
Drive magazine ©1999-2004. Contatta la redazione di drive magazine.