+ introduzione
   + la bellezza del diavolo
   + teenage death songs

   + articoli
   + discografie
   + bibliografie
   +
links




   + KISSONLINE
   + Lynn's KISS Dominion

      + The Gothic Milieu
   +
Century Media Records
   + A tribute to Nordic Black Metal







voi siete qui: drive index > R&H encyclopedia > indice delle schede > K > King, Stephen
K

KING, STEPHEN

Da sempre appassionato di rock, Stephen King ha recentemente tenuto un piccolo concerto insieme ad alcuni colleghi durante una convention dell'American Booksellers Association svoltasi ad Anaheim, in California. King e il suo gruppo, i Rock Bottom Reminders, hanno poi fatto un breve tour di beneficenza nei locali della zona, suonando esclusivamente classici del rock. Le magliette promozionali messe in vendita per celebrare l'evento recavano la scritta: "Questa band suona come i Metallica scrivono libri".


KISS

Per anni cattolici integralisti e predicatori hanno insistito sul fatto che il nome del gruppo celasse una sigla diabolica, ovvero Knights in Service of Satan (Cavalieri al servizio di Satana), segno appunto di qualche patto mefistofelico. In realtà, la musica del celebre quartetto non ha quasi mai odorato di zolfo. E il loro make up non poteva certo essere definito "satanico" se non da qualche ingenuo. I Kiss, comunque, hanno fatto una breve incursione nell'horror come protagonisti del bizzarro Phantom of the Park, dove sono costretti a lottare contro uno scienziato pazzo (Anthony Zerbe), creatore di un parco di divertimenti mostruoso e mortale. Brani del gruppo ripreso dal vivo durante il periodo d'oro della loro carriera intervallano la vicenda, diretta con la mano sinistra da Gordon Hessler, veterano dell'horror britannico. Nessuno certo scorderà tanto facilmente le pose da vampiro di Gene "lingua lunga" Simmons e il suo basso a forma di ascia... Troppo poco, però, per essere annoverati nel campo del rock trucido e truculento.

Formazione:
Paul Stanley: v, ch / Gene Simmons: v, bs / Bruce Kulick: ch / Eric Carr: bt
Discografia selezionata: Kiss (Casablanca), 1974; Hotter Than Hell (Casablanca), 1974; Dressed to Kill (Casablanca), 1975; Live Alive (Casablanca), 1975, live; Alive III (Polygram), 1992; Carnival of Souls (Polygram), 1996


KREATOR

"Un demone imperversa per i boschi della Germania", racconta Mille Petrozza. "Non so esattamente chi fosse o cosa facesse, ma prima di Cristo circolavano storie sulla foresta e sui demoni che ci vivevano. Uno dei più orribili era chiamato Kreator. E siccome esistevano un sacco di gruppi che usavano la parola "morte" nei loro nomi, noi volevamo qualcosa di più originale". Collocati nella schiera dei progenitori dell'odierno thrash metal tedesco, i Kreator nascono nella valle della Ruhr agli inizi del 1983, esordendo con il nome di Tormentor. Dopo il cambio di nome e l'incisione di alcuni demotape che suscitano immediato interesse, il terzetto originario (formato, oltre che da Mille Petrozza, anche da Ventor alla batteria e da Mob al basso) firma un contratto per la Noise Records e registra Endless Pain, oggi considerato come un classico del black metal. Il repertorio immaginario messo in scena dal gruppo segue le coordinate stabilite dai maestri Slayer (v.), la cui influenza domina brani come Total Death, Storm of the Beast, Son of Evil, Bonebreaker e Living in Fear. Il successivo Pleasure to Kill, 1986, recupera gli stessi stereotipi, così come l'ep Flag of Hate, uscito nello stesso anno, ed è solo con Terrible Certainty (1987) che il gruppo decide di affrontare una svolta, non solo a livello musicale ma, soprattutto, nei testi: "Non potevamo continuare a scrivere le stesse cose. I testi di Endless Pain e di Pleasure to Kill erano per lo più liriche di fantasia. Ma dopo un po' tutto questo iniziò a diventare noioso. Avevamo voglia, insomma, di testi intelligenti". In Terrible Certainty, dunque, vengono in parte accantonate le ispirazioni orrorifico-mitologiche dei precedenti album per approdare a temi più vicini alla realtà di tutti i giorni, come avviene in Toxic Trace, una canzone che parla di incidenti chimici avvenuti in Germania: "Abbiamo un mucchio di fabbriche qui intorno, e così siamo nel mezzo di un enorme pericolo potenziale". Il successivo mini lp Out of the Past... Into the Light (1988) contiene tre tracce dal vivo, tra cui Lambs to the Slaughter, la cover di un brano dei Raven (grandi ispiratori di tanto rock teutonico) e Impossible to Cure, quasi una canzone di protesta legata profondamente al sociale, con il suo racconto della manipolazione di un emarginato da parte dei nazisti. Con Extreme Aggression (1989), il nuovo lavoro in studio, il gruppo prosegue la sua evoluzione, giungendo a creare un thrash molto più complesso e articolato, ben lontano dai rozzi suoni dell'esordio, che si incarna in veri e propri proiettili sonori del calibro di Bringer of Torture, Betrayer e Some Pain Will Last. Renewal (1992), gode della produzione del veterano Randy Burns ed è stato registrato interamente in Florida. Il disco mostra una formazione più compatta, che riesce ad esprimere non più solo pura brutalità ed aggressione ma anche qualche emozione diversa. Genericamente improntato a una cupezza estrema, Renewal è ricco di atmosfere alienanti, quasi disperate, che ben si accompagnano a un sound sempre molto crudo, condito questa volta di elementi industriali e psichedelici. L'opener Winter Martyrium, la title track musicalmente potente e intensa, i quadri allucinati di Reflection, Brainseed, Karmic Wheel, il break industriale di Realitatkontrolle, compongono l'immagine di un gruppo maturo e consapevole delle proprie potenzialità. Per chi volesse farsi un'idea più precisa dell'universo lirico sonoro del gruppo esiste una compilation video intitolata Hallucinative Comas, uscita l'anno scorso per la Noise e vietata ai minori di anni 18: in effetti gli amanti dell'horror troveranno di che sfogarsi con i video di Dr. Wagner e della terrificante Terror Zone, che mostrano scene di sgozzamenti, violenza, sesso accanto a un linguaggio estremamente esplicito. Il video è stato realizzato in collaborazione con lo stesso team autore dell'infame Nekromantik, l'horror necrofilo diretto da Jorge Buttereit.

Formazione:Mille Petrozza: v, ch / Tritze: ch / Frank Gosdzik: ch / Rob Fioretti: bs / Ventor Reil: bt
Discografia: Endless Pain (Noise), 1985; Pleasure to Kill (Noise), 1986; Flag of Hate (Noise), 1986, mini lp; Terrible Certainty (Noise), 1987; Out of the Past... Into the Light (Noise), 1988, mini lp; Extreme Aggression (Noise), 1989; Coma of Souls (Noise), 1990; Renewal (Noise), 1992; Cause for Conflict (GUN), 1995; Outcast (GUN), 1997; Endorama (GUN), 1999

pagina successiva > L > Laaz Rockit - precedente > K > Karen Black

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2010 -  webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto| drive © stefano marzorati 1999-2010 | a true romance production