voi siete qui: drive index > musica > archivio recensioni > aprile 2001

il sito ufficiale dell'etichetta Urtovox

Verde matematico © Urtovox

RECENSIONI DI LESTER BOTTA

ELLE - BRUCIAMO CIO' CHE RESTA (Urtovox)

Vincitori dell'edizione 1998 di Arezzo Wave, i veneti Elle proseguono la loro carriera artistica con "Bruciamo ciò che resta", seconda prova del quintetto dopo l'esordio autoprodotto di "Caffé & Cadillacs". Il disco, prodotto da Geoff Turner (New Wet Kojak), inaugura la serie di proposte varate a inizio anno dalla Urtovox, etichetta indipendente con un programma di intenti piuttosto chiaro e coraggioso. Per chi ama un pop notturno caldo ed emozionante, eseguito con molto 'body and soul' l'ascolto del cd regala momenti di ottimo livello, come nell'iniziale "Sotto l'Hotel Eden" o la viscerale "Blues". Ci sono piaciuti particolarmente il lavoro alle chitarre elettriche di Marco Iacampo (anche voce solista della band) e di Matteo Caroncini, che innestano il giusto drive ai pezzi, efficacemente supportati da Fabio Coronin al basso, Tommaso Copetta alla batteria e Nicola Mestriner (tastiere, pianoforte, campionamenti). I testi, poi, per una volta, non pescano in certo strabusato angst adolescenziale, ma colpiscono per la loro vena intimista e un po' naif. In attesa di vederli sul palco per verificarne la resa live. gli Elle si rivelano più che una promessa e auguriamo loro di fare molta, molta strada.

VERDE MATEMATICO - ORA O MAI PIU' (Urtovox)

Seconda produzione a vedere la luce per la giovane Urtovox, "Ora o mai più"dei Verde Matematico rappresenta il punto di arrivo di cinque anni di lavoro di produzione. Si dichiarano influenzati da bands come Bran van 3000, Delgados, Velvet Underground e da artisti come Lisa Germano: una mappa di coordinate sonore che non sempre emerge con chiarezza, ed efficacia, nelle tracce del disco. Buona comunque la ricerca delle sonorità. Dopo un inizio un po' dimesso, il disco infila una serie di episodi piuttosto interessanti e recupera punti su punti con "Oltre", la traccia più emozionante dell'album, un frammento minimale di grande impatto, "Pianeta", con chitarra reediana e scampoli di velluto sotterraneo, "Devil Is Six" e il reprise finale di "Mix of Technology". Comunque, vale lo stesso discorso fatto per gli Elle: sarà la dimensione live a confermare o a contraddire certe impressioni ricavate dall'ascolto...

Per informazioni: info@urtovox.it - booking: infoconcerti@urtovox.it

webmasters: stefano marzorati and grazia paternuosto - drive © stefano marzorati 1999-2004 - a true romance production