voi siete qui: drive index > the rock and horror encyclopedia > indice delle schede > M > Manilla Road

Mappa

Introduzione

La bellezza del diavolo, di Gianfranco Manfredi

Teenage Death Songs e altre storie di ordinaria dannazione

Indice alfabetico delle schede dei gruppi e degli artisti presenti nella Rockand Horror Encyclopedia

Discografie

Links

Bibliografia

M

MANILLA ROAD

Terzetto proveniente dal Kansas, da sempre dedito a un viaggio lirico musicale all'interno di tematiche mitologiche e fantastiche. Nel disco Out of the Abyss (1989), alcuni dei brani esplorano luoghi e suggestioni appartenenti all'universo di H.P. Lovecraft, citando apertamente le figure di Chtulhu e dei Grandi Antichi. Ma accanto ai richiami lovecraftiani di Rites of Blood e di Return of the Old Ones, e alla fantasy di Black Cauldron e di Helicon, appaiono altri agganci con una vena macabra, come in White Chapel, omaggio ironico al mitico Jack lo Squartatore, interpretato con voce al vetriolo dal cantante Mark Shelton. In The Courts of Chaos (1991), il terzetto si orienta definitivamente su uno stile di stampo power/epic metal, che viene però in parte abbandonato dal successivo Circus Maximus (1992), in cui certe atmosfere del passato approdano a climi progressivi vicini ai Rush. Segnali, questi, riscontrabili in brani come Forbidden Zone, la maestosa e triste Lux Aeterna e gli incubi di Spider e Hack It Off. Unico superstite della precedente line up è il cantante e chitarrista Mark Shelton al quale si sono aggiunti due nuovi membri.

Formazione: Mark Shelton: v, ch / Andrew Cross: bs / Aaron Brown: bt

Discografia selezionata:Crystal Logic (Roadster), 1983; The Deluge (Roadster), 1986; Live Roadkill (Roadster), 1988, live; Out of the Ahyss (Black Dragon), 1989; The Courts of Chaos (Black Dragon), 1991; The Circus Maximus (Black Dragon), 1992
MANOWAR

Con i loro abiti di scena fatti di pelle e di cuoio, con i loro spettacoli dal vivo dove appaiono spadoni e incitamenti a preservarsi dal falso metal, i Manowar sono da sempre i principi dell'epic metal. Ispirati da pellicole come Excalibur e da personaggi come Conan il Barbaro, la loro visione dell'universo inteso come un unico grande campo di battaglia li ha sostenuti nel corso degli anni e di una produzione discografica piuttosto prolifica. Episodi felici come Dark Avenger, The Oath, Violence and Blood Shed, Drums of Doom e Holy War hanno lasciato spesso spazio a momenti più stereotipati e ripetitivi, che tuttavia non sono riusciti a scalfire l'inossidabile filosofia della band e l'incallita fede dei loro seguaci. Rumore di zoccoli di cavalli al galoppo, tuoni di tempesta e sordi battiti di tamburi da battaglia, lame che si scontrano e lamenti di guerrieri feriti costellano i dischi del gruppo, autore di un solido heavy metal che, pur non brillando di originalità, viene eseguito con una notevole perizia. L'ultimo album dei Manowar, The Triumph of Steel (1992), rompe una lunga pausa di silenzio e li vede tornare più agguerriti che mai, in una formazione rinnovata dall'arrivo del chitarrista Dave "the Death Dealer" Shankle e del batterista Rhino. La lunga suite mitologica di Achilles, Agony and Ecstasy in Eight Parts, Metal Warrior, Ride the Dragon, Power of the Sword e la darkeggiante The Demon's Whip dimostrano che la vena bellicosa dei "re del metallo" non si è certo affievolita. Nuove lame sono state forgiate e, fuori dal castello, quattro neri destrieri li attendono.

Formazione: Eric Adams: v / Dave "the Death Dealer" Shankle: ch / Joey De Maio: bs / Rhino: bt

Discografia: Battle Hymns (Liberty/Emi), 1982; Into Glory Rides (Megaforce), 1983; Hail to England (MFN), 1984; Sign of the Hammer (Virgin), 1987; Fighting the World (Atlantic), 1988; Kings of Metal (Atlantic), 1988; The Triumph of Steel (Atlantic), 1992; Sign of the Hammer (10 Records), 1994; Hell On Wheels (Universal), 1998; Hell on Stage (Nuclear Blast), 1999, live
MASACRE

Cotitolari, insieme ai newyorkesi Profanatica, di uno split cd, i colombiani Masacre sembrano una versione ancora più arrabbiata dei Sepultura. Death metal, dunque, con parti vocali cavernose e psicotiche.Discografia:Split (Osmose Productions), 1992, cd
MASSACRA

Questo quartetto francese di thrash metal potrebbe attaccare il trono del death metal francese, per ora saldamente in mano ai Loudblast. Il sound compatto e preciso, la voce potente ed efficace, uno stile a metà tra i primi Sodom (v.) e i Morbid Angel (v.) li rendono particolarmente apprezzabili, anche se forse troppo attaccati ai clichés del genere.Discografia:Final Holocaust (Lucifer Records), 1988; Enjoy the Violence (Lucifer Records), 1991; Sign of Decline (Shark), 1992
MASSACRE

Death metal in puro stile americano. Ad eccezione del cantante Kam Lee, i tre quarti del gruppo sono costituiti da ex componenti dei Death. Il gruppo è infatti frutto degli sforzi di Rick Rozz, membro della prima storica formazione dei Death, ed esordisce con l'ep Inhuman Condition, contenente una cover di Warhead dei Venom (v.), ospite lo stesso Cronos alla voce. Scott Burns viene chiamato in studio per l'incisione del loro album d'esordio, From Beyond (1991), e riesce a fornire al gruppo un suono degno del nome. Cattivi, ma mai caotici, i Massacre si confermano come uno dei gruppi più promettenti della prolifica scena della Florida: i cambi di tempo sono ben calibrati, gli assoli pieni e giustificati. Sul retrocopertina di From Beyond il gruppo specifica che la voce di Kam Lee non è stata affatto caricata con effetti ed altro, ma si stenta a credervi visto che il cantato di Kam è davvero incredibile e irrimediabilmente compromesso. L'ep Inhuman Condition proponeva quattro brani di aggressivo e rabbioso death metal ben suonato.

Formazione: Kam Lee: v / Rick Rozz: ch / Terry Butler: bs / Bill Andrews: bt

Discografia: Inhuman Condition (Earache), 199O, ep; From Beyond (Earache), 1991

pagina successiva > M > Master -precedente > M> Malevolent Creation

The Rock and Horror Encyclopedia © Stefano Marzorati 1999/2009 - webmasters: stefano marzorati e grazia paternuosto | drive © stefano marzorati 1999-2009 | a true romance production

Manowar

Official Manowar Home Page - sito ufficiale con tour dates e links