DRIVE INDEX    MUSICA    ALL THAT JAZZ      Omar Rodriguez-Lopez      


Gruppo: Omar Alfredo Rodriguez-Lopez
Album: Xenophane
Etichetta: Rodriguez Lopez Productions

“Quanto alla verità, non vi è e non vi sarà uomo a saperla nè riguardo agli Dei, nè riguardo a tutte le cose di cui parlo. Anche se uno cogliesse nel giusto, non saprebbe di aver indovinato poichè è apparenza quella che è diffusa su tutto”. Il filosofo Xenofane, autore del pensiero appena citato, dà il nome all’album che l’instancabile Omar A. Rodriguez-Lopez ha pubblicato sul finire del 2009. Il co-fondatore dei Mars Volta procede senza indugi nelle esplorazioni musicali che lo portano a rinnovare il proprio stile alla ricerca di una personale verità filosofica che possa ampliare ogni possibilità espressiva. “Xenophanes” lo vede impegnato come polistrumentista, produttore e anche cantante.
Il suo timbro vagamente adolescenziale non va messo a confronto con quello – potente e carnale – del fido Cedric Bixler-Zavala, che qui non compare se non tra i ringraziamenti. Concept-album post-moderno, libero nella forma e coerente nello sviluppo narrativo, “Xenophanes” è caratterizzato da un retrogusto psichedelico controllato. Anche se le 11 canzoni non sono contraddistinte dalla furia mercuriale dei Mars Volta, l’esuberanza creativa innerva brani di grande impatto come “Ojo al Cristo de Plata”, “Asco Que ConmueveLos Punto Erogenos” e la trilogia “Perder el Arte de la Razon Sin Mover un Solo Dedo/Flores de Cizana/Maria Celeste”. Le stratificazioni e le sovrapposizioni di suoni arricchiscono l’insieme. Manca tuttavia un bilanciamento fondamentale: il leader è solo, non c’è un Bixler-Zaval con il quale instaurare un rapporto di confronto/incontro/scontro. Per questa ragione “Xenophanes” sembra il convincente inizio di un discorso che prelude a brillanti sviluppi futuri. Avrebbe potuto spingersi molto più in là? Certo. Ma è comunque un disco di qualità, godibile e abbastanza sorprendente, con una band in forma guidata da un autore lucido, impegnato e coerente.

MP

 

 

© 2010 Maurizio Principato - per gentile concessione dell'autore
Drive Magazine © Copyright 1999-2010 Stefano Marzorati
scrivete a drive
rodriguez lopez
 

Links:
sito web
Myspace