DRIVE INDEX    MUSICA    ALL THAT JAZZ      Panzerballett      


Gruppo: Jan Zehrfeld’s Panzerballett
Album: Hart Genossen Von Abba Mit Zappa
Etichetta: Act

I teutonici Panzerballett sanno suonare, sanno comporre, sanno stupire e, non ultimo, sono talmente seri e rispettosi - sia nei confronti della musica che degli ascoltatori - da saper anche divertire.
Queste prerogative li collocherebbero a un livello nettamente superiore alla media planetaria ma ad esse va aggiunto un talento non comune nel dissezionare e interpretare brani altrui, per poi disporli in modo da costituire un’unica opera nella quale la continuità tematica si basa su complessi tecnicismi articolati e/o distribuiti con metodo, intelligenza e un pizzico di glaciale sarcasmo. La band, che nell’accesa copertina autodefinisce il proprio stile come ‘young german jazz’, non nasconde una passione sincera per lo swing, per il metal e per un’attitudine al rischio. La loro ultima ‘fatica’ è un calderone bollente in cui confluiscono – come recita il titolo dell’album – tanto il glitter pop degli Abba quanto le lucidissime follie di Frank Zappa: i due “Medley From Hell”” – Part I e Part II - dedicati al repertorio del geniale compositore di Baltimora costituiscono un tributo che, da solo, basterebbe a promuovere a pieni voti i Panzerballett.
Il primo medley si concentra su tre lavori dei Mothers of Invention (“Let’s Make The Water Turn Black”, “Harry You’re A Beast”, “The Orange County Lumber Truck”), il secondo unisce i Mothers di “Oh No” allo Zappa più effervescente degli anni Settanta (“City of Tiny Light” e “Evelyn, A Modified Dog”). In entrambe i casi è evidente la conoscenza approfondita della materia e anche delle trasformazioni alle quali Zappa stesso la sottopose nel tempo, concerto dopo concerto. I Panzerballet, metabolizzato il tutto, vanno oltre e aggiungono elementi di stile. Allo stesso modo – e con esiti tanto diversi quanto convincenti – maltrattano “Gimme, Gimme, Gimme” degli Abba, iniettando ora nevrastenia ritmica ora certi delicati arpeggi che creano un’atmosfera quasi languida. Anche il tema de “I Simpsons” di Elfman viene portato alle estreme conseguenze, mentre il sapore etnico de “The Mediterrranean Breeze” di Ersan esplode in mille vivacissimi colori. L’ascolto dell’intero album è impegnativo ma, se opportunamente dosato, garantisce soddisfazione e sano ludibrio.

MP

 

 

© 2010 Maurizio Principato - per gentile concessione dell'autore
Drive Magazine Copyright 1999-2010 Stefano Marzorati
scrivete a drive
panzerballett
 

Links:
sito web
Myspace