navigazione
drive home page

libri
Home

recensioni

articoli

novità editoriali
eventi

sezioni

rock'n'roll noir
rock and horror encyclopedia
borderline
all that jazz


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sulle lettere


contatti

 

drive magazine ©
Stefano Marzorati 2010

Disclaimers
drive magazine
è una rivista elettronica senza alcuno scopo di lucro. Tutte le immagini, i marchi e i testi riprodotti in queste pagine, dove non indicato espressamente, sono © dei rispettivi legittimi proprietari. Siamo a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare, nonchè per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti e delle illustrazioni. Le opinioni espresse in questo sito sono responsabilità dei rispettivi autori.

 

  Counter

Le novità di Meridiano Zero
1 giugno 2010


Operazione Atlanta di Hugues Pagan - Euro 14,50. Meridiano Zero

In una Parigi virata al nero si consuma il nuovo noir di Hugues Pagan. Il commissario Chateau ha messo in atto un’implacabile operazione per catturare vivo o morto Berg, ex terrorista di fama internazionale, ma non ha fatto i conti con due cani sciolti: Milard, detective dal fenomenale fiuto investigativo pronto a mettere il naso dove non dovrebbe, e Mauber, giustiziere al di fuori delle regole con un passato nei Corpi Speciali. Saranno loro a stringere un’imprevista alleanza che costera’ cara ai registi occulti dell’perazione


Il mio nome era Dora Suarez di Derek Raymond - Euro 9,00. Meridiano Zero

E’ uscito in tascabile il capolavoro di Derek Raymond, il quarto capitolo della saga della Factory. Il Sergente - silenzioso antieroe del formidabile ciclo di romanzi di Raymond - non ha indizi sul perche’ l’assassino si sia accanito proprio su Dora Suarez. Solo un diario, le cui pagine contengono il gorgo tortuoso di un’esistenza spesa sulle putride strade di Londra, la storia di una bellezza che non ha trovato protezione. Quelle pagine chiedono una sola cosa: vendetta. Perche’ ormai Dora gli e’ entrata nelle ossa, come il piu’ impossibile degli amori.