Musica articoli: I don't wanna grow up/2

Approfondimenti
In The Rock and Horror Encyclopedia:
Teenage Death Songs

Musica:
The Rolling Stones official site
Chuck Berry official site
Jerry Lee Lewis
The Clash: London's Burning
The Clash: Westway to the world
Sex Pistols
The Doors official site
The Beatles official site
Little Richard
Yardbirds
Eric Burdon official home page
Lo speed rock dei Peter Pan, una band olandese


Cinema:
il sito di Peter Pan della Disney


voi siete qui: drive home page | musica | articoli |I Don't Wanna Grow Up/2  
I DON'T WANNA GROW UP - CRESCITA A TEMPO DI ROCK'N'ROLL/seconda parte
di Emilio Varrà

La grande scommessa del rock è stata, ed è tuttora, quella di bruciare il tempo negandolo, e di farlo, paradossalmente, attraverso la musica, arte temporale per eccellenza. L'essenzialità, la secchezza e l'energia di quei "tre accordi " diventano fondamentali: sono come la polvere di Campanellino, devono far volare e portano dritto dritto sull'Isola che non c'è. E tutto deve essere fatto in fretta prima che tornino a casa i genitori, o prima di scoprirci genitori a nostra volta: La gente ci dà addosso/solo perchè ci siamo. Quello che fanno loro mi fa rabbrividire/prima di essere vecchio spero di morire (The Who, My Generation, 1965). Quella del tempo è una vera ossessione, un tema presente sia nella velocità dell'esecuzione musicale, sia nei testi. Già agli albori, uno dei primi successi di Bill Haley aveva un orologio come protagonista, a scandire i tempi di un ballo che è anche una stagione della vita: "Se alle due, o alle tre, non importa a che ora,/l'orchestrina rallenta, noi urleremo 'Ancora!'/Rock a tutte le ore, questa notte/ ancoa rock, e rock fino al mattino/rock a tutte le ore questa notte" (Bill Haley and His Comets, Rock Around the Clock, 1955). Carl Perkins inizia la sua più celebre canzone, uscita l'anno successivo, con un'altra numerazione: "Allora: uno i soldi, due la scena, tre stare pronti e adesso vai!" (Carl Perkins, Blue Suede Shoes, 1956). Si tratta certamente di uno strumento per accentuare il ritmo, ma c'è anche l'impressione di una preoccupazione più profonda, di una oscura consapevolezza del fatto che la magia duri solo
E' solo l'urgenza della musica e la piena identificazione con essa che può decidere per sempre del nostro destino di Peter Pan o di vecchi pirati...
per il tempo di una canzone e che "quando la musica è finita" (The Doors, When the Music's Over, 1967), è finito tutto davvero. Orologi, numerazioni, culto della velocità ("Beh, Sally la spilungona, è fatta per la velocità", Little Richard, Long Tall Sally, 1956) sono tutti sintomi di un'aspirazione ad annullare il tempo e, contemporaneamente, di una condanna non troppo diversa da quella del minaccioso ticchettio che perseguita Capitan Uncino. E' solo l'urgenza della musica e la piena identificazione con essa che può decidere per sempre del nostro destino di Peter Pan o di vecchi pirati.

L'utopia rock è proprio quella di affermare una temporalità che viene annullata mentre è perentoriamente scandita: "La cultura popolare si sviluppa dunque in pop culture, nel senso in cui quest'espressione cominciò ad essere usata a partire dalla seconda metà degli anni Cinquanta, lavorando a più livelli sull'abolizione dell'idea di futuro. Si afferma da subito un'estetica modulare, che fa leva sugli elementi della serialità e della ripetizione. Il tempo appare contemporaneamente fluido e terminale, fisso e in movimento. Paul Virilio, nella sua Estetica della sparizione, profetizza il passaggio dal tempo concepito come estensione, progressione e sviluppo, a un tempo intensivo, fatto di tante momentaneità senza storia agite da identità parziali, da ego ridotti. E' evidente che il transito dall'una all'altra idea di tempo non potrà non incidere sulla concezione delle opere pittoriche, musicali, poetiche".
I "tre accordi" con cui abbiamo iniziato il nostro discorso sono una chiara espressione di "tempo intensivo": si tratta di vivere pochi attimi come eterni e per far ciò bisogna liberarli dalla sequenza dei precedenti e successivi. Ogni singolo suono, ogni gesto, ogni assolo acquisisce un valore assoluto, autoconclusivo, quasi trascendente: tutto è in pochissime note, non valgono attese o temporeggiamenti. Non è un caso che la cellula primaria del rock, da Elvis ai Nirvana, sia il riff, una successione limitata di note che subito rende riconoscibile un brano, come uno slogan, e in questo modo lo fissa, e quasi lo eterna, limitandosi ad una cumulazione o a una circolarità senza variazioni delle stesse frasi musicali. Questa assenza di sviluppo, questa elementarità, pur con le dovute e numerose eccezioni, è stata spesso criticata, non considerata come un'esigenza insieme strutturale e ideologica coerente, ma come il sintomo di una musica che ha scarso valore culturale, ha un puro interesse commerciale, o sfrutta il bisogno di miti degli adolescenti. Inutile discutere con i vecchi pirati, che in Peter Pan non vedono il divino fanciullo, ma un ragazzino senza possibilità di sviluppo.
(torna alla prima parte >>)

© Emilio Varrà 2002 - per gentile concessione dell'autore


drive index | musica | articoli
Drive Magazine � Copyright 1999-2010 Stefano Marzorati