navigazione
drive home page

cinema

home

recensioni

speciali

anteprime
articoli
eventi


camera

rubriche

prossim@mente
strani oggetti
diario americano
dvd world


categorie

musica

cinema

libri

fumetti

database
libri sul cinema


contatti

 

drive magazine ©
Stefano Marzorati 2010

Disclaimers
drive magazine
è una rivista elettronica senza alcuno scopo di lucro. Tutte le immagini, i marchi e i testi riprodotti in queste pagine, dove non indicato espressamente, sono © dei rispettivi legittimi proprietari. Siamo a disposizione degli aventi diritto con i quali non è stato possibile comunicare, nonchè per eventuali involontarie omissioni o inesattezze nella citazione delle fonti e delle illustrazioni. Le opinioni espresse in questo sito sono responsabilità dei rispettivi autori.

 

  Counter

23 settembre 2010

Articoli recenti

• Cinema/prossim@mente: Inception. Recensione di Andrea Voglino
• Cinema/festival: Mosaico d'Europa Film Fest - Festival del Nuovo Cinema Europeo, Ravenna
, di Maurizio Principato
“Un Fest come il Mosaico d’Europa ha il merito rilevante di consentire la visione di film ‘invisibili’, cioè inediti nel nostro paese e destinati a rimanere tali con poche eccezioni che dovranno tuttavia scontrarsi con le strozzature e la mancanza di spazi adeguati in un mercato, qual è oramai quello nostrano, avaro di produzioni indipendenti o fuori dagli schemi”. Nelle limpide parole di Mario Lorini, presidente della FICE – Federazione Italiana dei Cinema d’Essai, è racchiuso l’intento fondamentale di un eccellente Fest che, nello scorso aprile, ha festeggiato la quarta edizione...
• prossim@mente: Iron Man 2,
di Andrea Voglino
...si riparte dalla origin story portata al successo nel 2008 dalla strana coppia formata dal quarantatreenne regista Jon Favreau, esploso al cinema fra il 2003 e il 2005 con “Elf” e “Zathura”, e dal redivivo Robert Downey Jr, ex enfant prodige per Hughes e Attemborough, trascinato via dalle scene per un buon decennio da una passioncella per droghe e alcolici e meritatamente sdoganato al ruolo di sex symbol maledetto da pellicole come “Zodiac”, “Sherlock Holmes” e “Tropic Thunder"...
• prossim@mente: Avatar, di Andrea Voglino
Dispiace trovarsi d’accordo con Roberto Faenza, che su “La Repubblica” del 7 gennaio scorso si è messo a sparare a palle incatenate contro Avatar, sostenendo che il cinema digitale ammazza le emozioni autentiche, e che il nuovo cinema fantastico hollywoodiano vive più di denaro che di creatività. Dispiace soprattutto perché il cinema italiano ha abbandonato i generi da mo’. E si accontenta di oscillare fra cinepanettoni e cinepolpettoni, senza nessun riguardo a un passato che riusciva a far convivere felicemente Sergio Leone e Sergio Corbucci, Enrico Maria Salerno e Terence Hill, cinema di denuncia e horror duro e puro, e insomma era cinema a 360°, ingenuotto ma godibile, esportabile, se capita involontariamente intelligente. Epperò, a vedere il blockbuster lungamente coltivato e prodotto con grande dispendio di mezzi e intellighenzia da James Cameron si ha quasi voglia di dar ragione allo sfogo del regista torinese...

In archivio

• prossim@mente: Super Size Me
Stanley Kubrick: Il Grande Alchimista della Settima Arte
• prossim@mente: Nel paese delle creature selvagge